oops!

Il più grande chef italiano, qualche anno fa con un suo famosissimo dolce, ruppe gli schemi di una cucina d'autore forse troppo paludata, riportando in un colpo non solo l'attenzione sui sapori e sulle materie prime, ma, soprattutto sull'essenza della cucina, che deve essere divertimento, piacevolezza, convivialità.

oops!

Non avevamo nessuna intenzione di scimmiottare Massimo Bottura, ci mancherebbe altro, ma l'idea di rottura (nel vero senso della parola) di  "Oops mi è caduta la crostatina" era troppo attraente per non rilanciarla.

siamo partiti dallo strudel

Ovviamente, come nostro solito, siamo partiti da un monumento gastronomico, ma non un monumento difficile, uno che fa parte dei ricordi di tutti noi, che fa rima con la storia di ciascuno e della cucina italiana. 
Lo strudel di mele!

classico e moderno

La ricetta è quella classica (mele, pinoli), con la sola eccezione dell'involucro, in cui una cialda di pastafrolla sostituisce la sfoglia.
 Il gioco poi è nella presentazione, in quel "rotto e capovolto" in cui l'impressione dell'errore si trasforma in gradevole sorpresa.